Ultima modifica: 17 aprile 2015

L’istituto

L’ISIS di Varese nasce, a partire dall’anno scolastico 2007/2008,  come “Centro polivalente” di istruzione e formazione tecnica e professionale derivante dall’accorpamento dell’ITIS di Varese e dell’IPSIA di Varese.

Rimangono immutate le prerogative caratterizzanti gli ambiti specifici dei due Istituti, ma l’ISIS ha un’unica gestione ed una singola presenza educativa nel territorio.

La sfida: un’unica  e significativa offerta formativa, con un ampio ventaglio di specializzazioni e di opportunità per l’istruzione superiore statale: TECNICA, PROFESSIONALE ed EDUCAZIONE  ADULTI.  

 

Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato

L’IPSIA di Varese, nata tra il 1960 e il 1961, inizia la propria attività con i corsi per l’industria meccanica, elettrica e della ceramica (sede staccata di Laveno Mombello). Negli anni ’70, conclusa l’esperienza della sezione di Laveno, l’offerta formativa si è arricchita di un corso per l’industria chimica presso la ditta Mazzucchelli di Castiglione Olona. La realtà di oggi, in continua evoluzione, richiede nuove professioni e figure professionali polivalenti in grado di adattarsi al mutare delle funzioni lavorative. Per questo. i vecchi corsi sono stati sostituiti con percorsi completamente rinnovati sia nei contenuti che nelle finalità. L’ordinamento didattico dell’Istituto Professionale si concretizza nei corsi di qualifica professionale, di durata triennale, finalizzati all’accesso immediato al mondo del lavoro e nei successivi corsi post-qualifica, biennali, per il conseguimento del diploma di maturità professionale. L’istruzione professionale è un canale privilegiato di collegamento tra le istanze educative dell’utenza scolastica e la realtà economico-produttiva del territorio.

 

Istituto Tecnico Industriale Statale

1949 – 1999: la storia

La realtà scolastica dell’istruzione professionale degli anni 30/40 vede, sul territorio della Città e della Provincia di Varese, una presenza notevole e qualificata di Scuole professionali per la preparazione delle maestranze necessarie alle numerose industrie esistenti.

E’ invece totalmente assente l’istruzione tecnica specialistica di giovani diplomati Periti Industriali che, per la loro preparazione, devono rivolgersi esclusivamente alla città di Milano ove da tempo funzionano Istituti Tecnici Industriali. In relazione agli eventi bellici della seconda guerra mondiale, nel 1943, presso la Scuola Professionale “Leonardo da Vinci” di Varese viene distaccata una sezione dell’ITIS Feltrinelli di Milano per la formazione di Periti Meccanici ed Elettrici.

E’ in questo contesto che trova sviluppo il progetto iniziale e lungimirante dei Fondatori della Scuola Professionale che ambiva ad ampliare le finalità della Scuola stessa offrendo, nel contempo, una risposta alle esigenze del territorio.

Alle due specializzazioni provenienti dall’ITIS Feltrinelli si unisce successivamente la specializzazione per Periti Tessili in relazione alla notevole dotazione tecnica dei laboratori della stessa Scuola Professionale.

Nel 1948 il Ministero della Pubblica istruzione, abrogate le disposizioni imposte dalla guerra, dispone il rientro nelle sedi normali di tutte le sezioni staccate. È in questo momento che le autorità Provinciali e Comunali, le associazioni degli industriali, della Camera di Commercio, della Camera Confederale del Lavoro, della Federazione Nazionale dei Periti Industriali, il Consorzio Provinciale per l’istruzione Tecnica, il Presidente della Scuola Professionale “Leonardo da Vinci”, il Comitato Varesino degli studenti del Feltrinelli, i rappresentanti delle famiglie degli studenti, i rappresentanti dei Partiti politici, fanno un’azione univoca presso le Autorità centrali al fine di ottenere la conservazione delle tre specializzazioni nella sede di Varese.

Il 18 novembre 1948 il Ministero della Pubblica Istruzione riceve alcuni Parlamentari della Provincia, i rappresentanti della Scuola Professionale, dell’Associazione dei Periti industriali e delle famiglie degli alunni, per trattare la questione della sezione staccata dell’ITIS Feltrinelli a Varese. L’incontro si conclude con l’impegno di trovare una soluzione che accordi le esigenze di Varese con quelle del bilancio dello Stato.

Il 24 novembre 1948 il Ministero della Pubblica Istruzione riconoscendo che a Varese, zona industriale di primaria importanza, è necessario un Istituto Industriale di Stato, considerato che non ne esiste alcuno in Provincia e constatati gli esiti e gli sviluppi lusinghieri dell’iniziativa tra la Scuola Professionale ed il Feltrinelli, decide per una soluzione intermedia. Compatibilmente con le disponibilità del Bilancio dello Stato dispone che a Varese, capoluogo di una Provincia di importanza nazionale nell’industria Tessile, sia insediata una sezione staccata dell’istituto Nazionale del Setificio “Paolo Carcano” di Como.

Con questo provvedimento il Ministero della Pubblica Istruzione dà a Varese la possibilità di avviarsi verso la costituzione di un Istituto Tecnico Industriale Autonomo, che in un primo tempo sarà solo per Periti Tessili ma in seguito, circostanze e bilancio dello Stato permettendo, potrà avere ulteriori sviluppi ed anche altre specializzazioni. il 19 settembre 1949, nel palazzo Comunale di Varese, un ispettore Centrale del Ministero della Pubblica istruzione convoca i rappresentanti di: Amministrazione Provinciale, Amministrazione Comunale, Camera di Commercio Industria ed Agricoltura, Consorzio Provinciale per l’istruzione Tecnica, Ente Morale Scuola Professionale “Leonardo da Vinci”, il Provveditore agli Studi della Provincia di Como, il Provveditore agli Studi della Provincia di Varese, il Preside dell’istituto Nazionale di Setificio “Paolo Carcano” di Como.

La riunione ha lo scopo di prendere gli accordi preliminari per la sostituzione della sezione staccata del “Paolo Carcano” con un istituto Tecnico industriale Statale ad Amministrazione Autonoma per Periti Tessili. Le Amministrazioni Provinciale e Comunale si ripartiscono gli oneri di legge (arredamento locali, spese di conduzione ecc.) e sottoscrivono un contributo, una tantum, per l’acquisto delle prime attrezzature dell’istituto L’Associazione degli industriali e la Camera di Commercio industria ed Agricoltura aderiscono con contributi annuali facoltativi, in relazione alle disponibilità dei loro bilanci.

Il 10 ottobre 1949 é istituito in Varese 
l’Istituto Tecnico Industriale Statale 
per tessili con amministrazione autonoma

In attesa della sistemazione definitiva in una sede propria, l’istituto svolge la sua attività nei locali e nei laboratori dell’Ente Morale Scuola Professionale “Leonardo da Vinci”. I laboratori sono dotati con macchinari, attrezzature ed impianti atti all’apprendimento tecnico-pratico ed alla conoscenza delle tecnologie impiegate nell’industria tessile. Con Decreto Ministeriale del dicembre 1949 viene nominato Commissario Governativo il Comm. Dr. Ing. Andrea Pedoja, già Presidente della Scuola Professionale che rimarrà in carica fino al 31 dicembre 1954. Viene nominato Preside il Prof. Italo Roncoroni, Direttore della stessa Scuola Professionale. L’entità degli studenti iscritti presso il nuovo Istituto per l’anno scolastico 1949-50, come si evince dal Verbale n° 1 redatto in data 18 dicembre 1949, ammonta a 123 ripartiti in 2 classi prime (45 allievi), una classe seconda di 39 allievi, una classe terza di 16 allievi, una classe quarta di 12 allievi ed una classe quinta di 11 allievi.

Nel 1950 conseguono il diploma i primi 8 periti tessili

Gli anni dal 1949 al 1959 vedono un notevole impegno delle componenti Scolastiche, Amministrative e Politiche locali e centrali tendente alta realizzazione dell’impegno assunto nel novembre 1948. Il 20 novembre 1949 il Consiglio Comunale di Varese riconoscendo l’importanza della realizzazione in Varese di un Istituto Tecnico Industriate, con approvazione unanime, stanzia la cifra di Lire  20.000.000 per l’acquisto di un’area da destinare alla sede definitiva dell’istituto e successivamente il 15 ottobre 1953 stanzia un primo contributo di Lire 20.000.000 per la costruzione della nuova sede. Il 15 ottobre 1953 l’Amministrazione Provinciale assegna l’area di un proprio terreno per l’edificazione della nuova sede dell’ITIS.  Il 6 settembre 1954 il Ministero della Pubblica Istruzione approva il progetto della nuova sede redatto dal Prof. Arch. Dr. Cesare Perelli e dall’ing. Gaudenzio Pedoja. Il 25 febbraio 1955 presso il Consorzio Provinciale per l’Istruzione Tecnica si insedia la Commissione dei Delegati degli Enti ed Associazioni interessati ai problemi inerenti la costruzione in Varese dell’Istituto Industriale e di un Istituto Professionale in un’unica sede.

Il 1° gennaio 1955 viene nominato 
il Consiglio di Amministrazione

Presidente

COMM. DR. ING. ANDREA PEDOJA

Libero Professionista

Primo Rappresentante del Ministero della Pubblica Istruzione

Vicepresidente

COMM. GIORDANO LEVA

Industriale Rappresentante dell’Amministrazione Comunale

Consiglieri

ON. RAG. PIO ALESSANDRINI

Deputato, Pubblicista

Secondo Rappresentante del Ministro della Pubblica Istruzione

DR. RAG. PROF. MARIO MERLI

Insegnante e Libero Professionista

Rappresentante dell’ Amministrazione Provinciale

CAV. PER. IND. GIUSEPPE COTTINI

Industriale

Rappresentante della Camera di Commercio Industria ed Agricoltura

CAV. PAOLO BOZZO

Industriale

COMM. GIANNI BROGGI

Industriale

Dr. FEDERICO MANZOLINI

Dirigente Azienda Industriale

Rappresentanti dell’ Associazione Provinciale degli Industriali

Segretario

Prof. ITALO RONCORONI

Preside dell’ Istituto

L’8 settembre 1955 l’On. Rag. Pio Alessandrini viene nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione ed il Comm. Dr. ing. Andrea Pedoja diventa Consigliere.

Il 26 giugno 1956, per iniziativa delle Amministrazioni Provinciale e Comunale si costituisce un Consorzio Provincia-Comune per l’erezione della sede degli Istituti Statali Industriale e Professionale in Via Zucchi (decreto del Prefetto di Varese N. 21253 del 16/6/56 div. II). Da questa data prendono avvio:

-La sistemazione definitiva dell’istituto per Periti Tessili

-Lo sviluppo dello stesso Istituto con l’aggiunta delle altre specializzazioni

– L’apertura di un Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’Artigianato

15 aprile 1959 il Ministero della Pubblica istruzione autorizza il funzionamento della specializzazione applicatori di materie plastiche “Mazzucchelli” con decorrenza 10 ottobre 1959.

Il 17 maggio 1959 viene posta la prima pietra detta nuova sede degli Istituti Tecnico industriale Statale e Professionale di Stato per l’industria e l’Artigianato alla presenza dell’On. Gian Battista Scaglia, Sottosegretario alla Pubblica Istruzione e del Direttore Generale dell’ Istruzione Tecnica Comm. Dr. Emilio Prisinzano.

Il 6 luglio 1959 il Ministero della Pubblica Istruzione autorizza, con telegramma 61/20 il funzionamento della specializzazione per periti meccanici con decorrenza 1°ottobre 1959.

Il 28 luglio 1959 il Ministero della Pubblica Istruzione con lettera n. 7186 autorizza il funzionamento della prima classe per periti meccanici in turno serale con decorrenza 1° ottobre 1959 e con l’aggiunta graduale delle classi successive.

Il 1° febbraio 1962 l’Istituto si trasferisce nella nuova sede per quanto concerne lo svolgimento delle lezioni teoriche, mentre le esercitazioni pratiche continuano ad avere luogo nella sede della Scuola Professionale, non essendo ancora approntato l’edificio destinato ai laboratori.

Il 20 ottobre 1963 l’On. Domenico Magri, Sottosegretario alla Pubblica Istruzione inaugura la nuova sede dell’Istituto (edifici A e D) in Via Zucchi accolto da folta schiera di Autorità cittadine. Fra i presenti: il Prefetto di Varese Dr. Giovanni Zecchino, il Senatore Noè Pajetta, gli On. Pio Alessandrini e Giovanni Grilli, il Presidente dett’Amministrazione Provinciale Rag. Fausto Franchi, il Provveditore agli studi Prof. Giuseppe Valsesia, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Prof. Piero Ferranti in rappresentanza del Sindaco di Varese ed altre personalità.

 

Nel 1964 conseguono il diploma i primi 27 periti
della specializzazione Materie Plastiche
ed i primi 18 periti meccanici

Nel dicembre 1965 entra in funzione l’edificio C destinato ad aule normali, aule di disegno, laboratori di Fisica e di Chimica ed ai Laboratori Tecnologici delle rispettive specializzazioni Tessile, Materie Plastiche e Meccanica. Il 21 Maggio 1966 il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione On. Giovanni Elkan, presente a Varese per la celebrazione delle “Giornate dell’Istruzione Tecnica e Professionale” inaugura la nuova costruzione. Sono presenti l’On. Pio Alessandrini, il Cav. del Lav. Giordano Leva, il Prefetto Dr. Santi Capellani, il Dr. Vincenzo Grillo, Direttore Generate dell’Istruzione Tecnica del Ministero della Pubblica istruzione ed inoltre il Presidente della Camera di Commercio Comm. Angelo Campiotti, il Provveditore agli studi Dr. Giovanni Mancini, il Sindaco di Varese Dr. Mario Ossola, l’intendente di Finanza Dr. Mario Visco, il Dr. Prof. Eugenio Bertorelle, Preside dell’Istituto tecnico industriale di Rho.

Nel 1966 conseguono il diploma
i primi 9 periti meccanici del corso serale

Mentre nel 1968 soffia sulla Scuola italiana il vento della contestazione studentesca e della richiesta di rinnovamento che caratterizzerà le successive trasformazioni con l’approvazione del progetto sperimentate degli esami di maturità e dei Decreti Delegati, si completa il progetto globale della nuova sede dell’Istituto Tecnico Industriate con l’apertura nel 1969 dell’edificio B destinato agli Uffici ed alla Palestra e l’ampliamento dei laboratori con l’edificio E nel 1974 in cui verranno installati i mancanti reparti di Fonderia e Macchine a fluido per la specializzazione meccanica. I successivi ampliamenti del plesso scolastico di Via Zucchi interesseranno esclusivamente la sede dell’Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’Artigianato.

Nel 1971 il Prof. Italo Roncoroni lascia la Presidenza dell’ITIS ed assume la Presidenza dell’Istituto Professionale di Stato. Viene nominato Preside dell’ITIS il Prof. Dr. Eugenio Bertorelle.

 

Nel 1974 entrano in vigore i Decreti Delegati

Il 1° APRILE 1975 viene insediato il 1° Consiglio d’Istituto che sostituisce il Consiglio di Amministrazione.

Preside dell’istituto

Prof. EUGENIO BERTORELLE

Componente Docenti

CIANTIA SALVATORE

DONATI ERMANNO

LOVISOLO SERGIO

MENTASTI ANGELO

NAPPI NICOLA

PINTUS MARIA VITTORIA

REBAUDO GIOVANNI

SABBATINI FRANCO

Componente Personale non docente

MUSCOGIURI RICCARDO

POSA COSTANTINO

Componente Genitori

BINDA ADELIO

CADINI PORRO BRUNA

MONDO TITO

PUCCI GIAN PIETRO

Componente Studenti

LUNARDI DANILO

PAGANINI PAOLO

PERONI SERGIO

TADINI GABRIELE

Viene eletto presidente del Consiglio d’istituto il Sig. Pucci Gian Piero

Nel 1977 il Preside Prof. Eugenio Bertorelle viene nominato Ispettore Ministeriale. Viene nominato Preside il Prof. Dr. Ing. Paolo Stella. Negli anni successivi l’obiettivo principale dell’Istituto è rivolto essenzialmente al potenziamento delle dotazioni tecnico scientifiche dei laboratori delle specializzazioni esistenti e particolarmente alla possibilità di offerta all’utenza scolastica di nuove e moderne specializzazioni, in relazione alle esigenze formative richieste dalle nuove tecnologie.

Nel 1984 viene attivata presso la sede di Varese la specializzazione di Informatica Industriale con l’apertura di una sola classe terza con 31 studenti. 
Nel 1985 la specializzazione viene trasferita nel nuovo plesso scolastico, realizzato nel Comune di Gazzada, ove vengono attivate 3 classi terze di 30 studenti, previo graduatoria di accesso, in relazione all’elevato numero di richieste ed alle limitate disponibilità di spazi e di dotazione tecnica dei laboratori specifici.

Nel 1986 conseguono il diploma i primi 28 periti in Informatica Industriale presso la sezione staccata di Gazzada.

Nel 1987, proseguendo nell’obiettivo iniziale, si apre nel Comune di Luino una sezione staccata relativamente alle sole classi del biennio  cui farà seguito nel 1991 l’attivazione della specializzazione in Elettronica Industriale.

Nel 1993 conseguono il diploma i primi 14 periti in Elettronica Industriale

Gli anni successivi vedono il progressivo adeguamento dei piani di studio del biennio e successivamente dei trienni di specializzazione alla rapida evoluzione tecnologica in atto nella realtà produttiva. I nuovi piani di studio privilegiano la formazione informatizzata sin dal biennio e la completano nel corso dei trienni di specializzazione.

Nel 1994 per la Specializzazione Meccanica e nel 1995 per la Specializzazione Tessile, viene introdotto il nuovo ordinamento con i nuovi programmi di insegnamento e con l’introduzione di nuove discipline.
Nel 1995 si dà corso al nuovo ordinamento scolastico del biennio per le tre sedi dell’Istituto.

Il progetto formativo dei giovani diplomati, iniziato nel 1949, porta la realtà dell’Istituto Tecnico Industriale di Varese, al compimento del 50° anno di attività, al conseguimento del diploma di 5.989 Periti Industriali nelle specializzazioni tessili, materie plastiche, meccanica, informatica ed elettronica e telecomunicazioni, annoverando una presenza globale nei 50 anni di oltre 20.000 studenti, considerando anche quanti hanno concluso il loro percorso in altre realtà scolastiche.

La stesura delle precedenti note ripercorre fedelmente le notizie storiche curate, in occasione del cinquantenario dell’ITIS Varese, dal Vice Preside Prof. Angelo Mentasti.

il 50° dell’ITIS Varese 

Il 16/12/1999 si celebra il cinquantenario dell’istituto. Per l’occasione viene presentata la pubblicazione “50 anni ITIS” e viene scoperta, nell’atrio, la targa (dono dell’Associazione Amici dell’ITIS) in ricordo dei Presidi Prof. Roncoroni e Prof. Bertorelle.

Nell’ambito della ricorrenza del cinquantenario, il Dirigente Scolastico Prof. Ing. Paolo Stella promuove,  il convegno internazionale alle Ville Ponti di Varese sul tema: “L’istruzione tecnica industriale nell’Europa che avanza” (26/01/2000), per rimarcare l’importante ruolo che compete all’ITIS di Varese nei nuovi scenari dell’istruzione tecnica.

gli anni 2000

Anno scolastico 2000/01 – La sede distaccata di Luino a seguito del piano di razionalizzazione voluto dalla Provincia, viene accorpata all’ITC di Luino.
Nell’ambito del rilancio delle specializzazioni l’ITIS  di Varese partecipa, con altri istituti del territorio, con spazio espositivo proprio, alla fiera “MEK – meccanica e servizi innovativi” – CentroExpo di Castellanza (VA), 25-28 maggio 2001. L’Istituto interviene, anche con la relazione degli studenti, al concomitante Convegno del 26/05/2001 sul tema “aziende e giovani si incontrano”.

Il 1° settembre 2001 viene nominato Dirigente Scolastico il Prof. Dr. Ing. Luigi Bollini a seguito del pensionamento dell’Ing. Paolo Stella, preside dell’Istituto dal 1977. 

Anno scolastico 2001/02 – l’Istituto é tra i promotori del primo “Corso post diploma” nell’ambito dell’Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) per la figura professionale di  TECNOLOGO DI TRASFORMAZIONE DELLE MATERIE PLASTICHE E DEGLI ELASTOMERI, mettendo in gioco le competenze e le risorse strumentali della Specializzazione Materie Plastiche.

15 – 18 maggio 2003 – MalpensaFiere – Busto Arsizio (VA). L’ITIS di Varese partecipa a “MEK2003 – meccanica e servizi innovativi”. L’anno seguente (24 maggio 2004), l’Istituto presenta, nell’ambito di “MEK2004”, al concomitante Convegno “Una scuola nuova per professioni nuove e per imprese nuove” il PROGETTO MECCATRONICA, da realizzarsi con le opportunità previste  dall’autonomia scolastica, per offrire nuove occasioni ai futuri periti industriali e alle aziende. 

Il 23 giugno 2003 l’Istituto ottiene l’accreditamento al sistema qualità ISO 9001: 2000 per l’EROGAZIONE DI SERVIZI DI ORIENTAMENTO E DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA INDUSTRIALE CON PROGETTAZIONE DI SERVIZI EXTRACURRICOLARI DI FORMAZIONE FINANZIATA E NO. 

Anno scolastico 2004/05 – in due classi terze viene attivata la sperimentazione del Progetto Meccatronica.

Anno scolastico 2005/06 – l’offerta formativa per la specializzazione tessile viene arricchita con le opportunità previste dall’autonomia scolastica: inizia il Progetto “Tecnico Creativo Sistema Moda”

Nell’ambito del rilancio delle specializzazioni l’ITIS  di Varese partecipa, con  proprio spazio espositivo, al Salone del Tessile Abbigliamento Moda (Busto Arsizio – Malpensafiere – 22-23-28-29-30 gennaio 2005)

A partire da questo anno la specializzazione tessile propone, con finalità di orientamento alla scelta della scuola superiore ed alla specializzazione, i concorsi “Jeansiamo” (decorare un paio di jeans secondo i propri gusti personali, creando soluzioni originali e innovative) e “I.T.I.Shirt” (dipingere e decorare con fantasia, a soggetto e tecnica libera, una T.Shirt bianca o colorata). 

Ottobre 2005 – giugno 2006 l’Istituto è tra i promotori e capofila del corso IFTS dopo il diploma, incentrato sull’automazione industriale, per la figura professionale di TECNICO SUPERIORE PER L’INDUSTRIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO.   

il 2007

19 gennaio 2007 – Con una serata commemorativa la Specializzazione Tessile viene intitolata al “Per. Ind. Prof. Angelo Mentasti”, quale riconoscimento per il contributo offerto alla crescita della scuola in cinquanta anni di presenza costruttiva  come insegnante e vicepreside fino al 1999. 
Per l’occasione viene collocata, nei reparti tessili, la targa dono del Collegio dei Periti Industriali di Varese, e viene scoperta la  nuova scritta  nell’atrio dell’Istituto.

 Luglio 2007 – conseguono il diploma i primi 22 periti meccanici con “orientamento alla Meccatronica”.

Si preparano grandi cambiamenti per l’ITIS di Varese. Le necessità di una migliore gestione delle risorse e degli ambienti  nonché di un rilancio dell’istruzione tecnica e professionale, hanno portato alla delibera della Giunta Provinciale PVN 299 del 25/10/2006: Proposta dimensionamento scolastico ITIS ed IPSIA di Varese.
Con successivo decreto del 22/02/2007 n.1719 dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia – Direzione Generale viene deliberato l’accorpamento dell’IPSIA e dell’ITIS in un unico “Centro polivalente” di istruzione e formazione tecnica e professionale a Varese.

Contemporaneamente la Sede Associata di Gazzada costituisce, assieme agli istituti ITPA e ITC Keynes, un unico Polo informatico autonomo.

il 1° settembre 2007 nasce l’ISIS Varese 

come “Centro polivalente” di istruzione e formazione tecnica e professionale derivante dall’accorpamento dell’ITIS Varese e dell’IPSIA Varese.

Rimangono immutate le prerogative caratterizzanti gli ambiti specifici dei due Istituti, che accettano la sfida per un’unica  e significativa offerta formativa. 

Viene nominato Dirigente Scolastico dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore di Varese il Prof. Dr. Giuseppe CARCANO.

Viene altresì nominata Dirigente dei Servizi Generali ed Amministrativi la Sig. Donata FIDUCIA, che ha ricoperto lo stesso incarico presso l’ex IPSIA di Varese.

 

Il 3 DICEMBRE 2007 : seduta n. 1 del nuovo Consiglio d’Istituto 

Preside dell’Istituto

Prof. Dr. Giuseppe CARCANO

Componente Docenti

Prof.ssa BALDASSARRE Anna Rita

Prof. CASTELLI Giovanni

Prof.ssa CAVARRETTA Antonietta

Prof. COLOMBO Alberto

Prof. MACHEDA Romualdo

Prof.ssa MONFRINI Paola

Prof.ssa PAPALE Caterina

Prof. VACANTE Salvatore

Componente Personale ATA

Sig. BAFFARI Giovanni

Sig. RACO Alessio

Componente Genitori

Sig.ra SPERONI Emanuela  (eletta Presidente)

Sig. CAVANI Giancarlo

Sig.ra DAVOLIO Antonella

Sig.ra MANTICA Clelia Palazzi

Componente Studenti

ITALIANO Francesco

MILANI Lorenzo

PANZERI Andrea

VIOLA Matteo

Login